NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Learn more

I understand

Convegno Nazionale: Le Alpi Apuane patrimonio unico e di Tutti

Teatro L'AFFRATELLAMENTO
Via G. Orsini 73 ­ Firenze 
Sabato 8 Novembre 2014

La devastazione delle Alpi ApuaneIl convegno vuole delineare un possibile futuro delle Alpi Apuane in cui l'attività di escavazione sia ricondotta nei limiti di un'utilizzazione non distruttiva e si integri con la valorizzazione di risorse non usate o abbandonate. Due gli obiettivi immediati. Il primo è sostenere le osservazioni presentate dalla Rete e da altre associazioni ambientaliste al Piano di indirizzo territoriale con valenza di Piano paesaggistico adottato il 2 luglio 2014. Il secondo è delineare, con la partecipazione di diversi attori – locali e non – le condizioni e le opportunità di un'economia integrativa rispetto alla monocoltura marmifera. Si tratta di un primo passo affinché, ufficialmente o meno, le Alpi Apuane siano riconosciute come patrimonio che appartiene al mondo e non come proprietà di un gruppo ristretto di imprese, che sfruttano la Montagna in modo non sostenibile e con modestissime ricadute sull'economia locale.

Sessione del mattino­ La questione Apuane. Le osservazioni al Piano di indirizzo territoriale

10.00 Presentazione del convegno­ moderatore Claudio Greppi. 

10.10 Interventi di sostegno FAI (Sibilla Della Gherardesca), Italia Nostra (Leonardo Rombai) 

10.30 Alberto Asor Rosa ‐ La questione Apuane all'interno della politica nazionale e toscana

10.50 Mauro Chessa ­ Apuane: escavazione sostenibile?

11.10 Paolo Baldeschi ­ Le ragioni delle osservazioni presentate al Piano di indirizzo territoriale

11.30 Riccarda Bezzi ­ Il punto di vista del CAI

11.50 Fausto Ferruzza ­ Il punto di vista di Legambiente

12.10 Maurizio Maggiani ­ Mettere le mani nelle Apuane, mettere le mani sulle Apuane 

12.30 Alessandro Gogna ­ Le Apuane viste da un alpinista

12.50 Fabio Baroni ­ Un'economia integrata e alternativa alla monocultura del marmo

13.10 Interventi del pubblico

13.45 Fine sessione

Sessione del pomeriggio ­ Valorizzare le risorse del territorio apuano

14.45 Tommaso Cecconi ­ Settore lapideo e occupazione: una questione opaca

15.05 Lorenzo Baroni ­ I giovani e la neoagricoltura sulle Apuane

15.25 Viviana Ronconi ­ Potenziale di sviluppo agricolo sulle Apuane

15.45 Stefania Avanzinelli ­ Una rifugista delle Apuane

16.05 Eros Tetti ­ Turismo incoming: progetti in corso e criticità

16.25 Interventi del pubblico

17.00 Alberto Asor Rosa – Conclusioni

Appello alle associazioni Ambientaliste e a tutte le forze - Salviamo il Pizzo d’Uccello e il Solco di Equi Terme

 facendolo  Luogo del Cuore del FAI

Ai piedi del Pizzo d’Uccello, nel Solco di Equi, circo glaciale e zona del Parco delle Apuane vi sono alcune cave di marmo che compromettono quell’ecosistema straordinario che è detto il Cervino della Toscana ed ospita l’Aquila reale.  Il Comune di Casola in Lunigiana ha già presentato un Progetto di riconversione dall’economia di cava ad attività sostenibili nel turismo, agropastorizia e artigianato. Oggi siamo impegnati nella Raccolta di Firme per i Luoghi del Cuore del FAI che porterebbe ad un finanziamento utile a tale riconversione con la chiusura di cave in un luogo ove non devono stare. La ruralità del nostro territorio caratterizzato dall' abbandono non ci consente di avere una gran voce e quindi raccogliere le migliaia di firme necessarie come avviene invece per i luoghi collegati alle città. Proprio per questo e per l'importanza simbolica di questo luogo abbiamo bisogno di tanto appoggio.

La raccolta di firme termina il 30 novembre 2014.

Vi chiediamo di darci una mano straordinaria, contattando le Vostre sezioni territoriali e, magari, attivando banchetti per raccogliere il numero massimo possibile di firme e far entrare il Pizzo fra i luoghi da finanziare.

Alleghiamo i link ed i moduli; si firma in forma online e tramite moduli cartacei.

Qui il link per il voto online http://iluoghidelcuore.it/luoghi/massa/casola-in-lunigiana/circo-glaciale-del-pizzo-d-uccello-e-sol-/16679

E qui il modulo per raccogliere le firme cartacee http://www.salviamoleapuane.org/pdf/firmepizzouccello.pdf  da consegnare poi presso la filiale Intesa San Paolo più vicina. 

Vi preghiamo di diffondere questo appello.

Date una mano al Pizzo d’Uccello!!! Date una mano alle Alpi Apuane!

Get in touch Contattaci


Telephone. +39 3403678469
Email. info@salviamoleapuane.org
Location. Alpi Apuane
Follow us.  Facebook Group
Salviamo le Apuane